Balanopostite nel cane: sintomi e cure

Salute

Parleremo oggi di una malattia non troppo conosciuta che può affliggere i cani maschi a livello dei genitali. Analizzeremo le cause e le soluzioni al problema.

La balanopostite è l’infiammazione del glande del pene e della mucosa del prepuzio. Questa si presenta soprattutto nei cani maschi adulti (ma può colpire anche i cuccioli) che hanno subito dei traumi, come graffi, morsi, ferite, infezioni, si sviluppa nei cani che soffrono di fimosi e parafimosi. Tra le cause possono rientrare anche la presenza di corpi estranei all’interno del prepuzio e le continue e compulsive leccate del pene da parte del cane stesso.

Sintomi

Tra i sintomi più significativi, soprattutto a livello genitale, è possibile trovare:

  • secrezione giallastra o verdognola;
  • secrezione con la presenza di sangue;
  • gonfiore e rossore;
  • disagio;
  • lambimento eccessivo;
  • piaghe sul pene e prepuzio;
  • difficoltà di minzione.

Quando si sotto valuta il problema si può arrivare ad avere:

  • ascesso su pene e prepuzio;
  • stenosi del pene;
  • inappetenza;
  • febbre;
  • dolore durante la copulazione;
  • necrosi dei tessuti.

Per poter fare diagnosi è necessario far eseguire al veterinario un’ispezione approfondita e un esame di tutta la zona genitale. In alcuni casi potrebbe essere necessario eseguire l’ispezione in sedazione o anestesia, soprattutto quando il cane sente molto dolore.
Il veterinario potrà quindi richiedere gli esami base, come quello emocromocitometrico con profilo biochimico e analisi delle urine. Quasi sempre i risultati emersi sono nella norma, a meno che il cane presenti un’infezione della vescica urinaria, della prostata o sistemica. Inoltre può anche decidere di effettuare un tampone da far analizzare per un colturale e per l’antibiogramma.

Trattamento

L’impostazione della terapia dipenderà direttamente da quali sono le cause del problema. Tuttavia, in generale, si prescriveranno degli antibiotici da somministrare per via orale o locale.
Nei casi in cui si osserva una eccessiva produzione di pus dal pene, un consiglio molto utile è quello di lavare la zona interessata con acqua calda e iodio diluito, o anche diluendo della clorexidina. Il veterinario individuerà la soluzione più appropriata e il numero di ripetizioni di lavaggi consigliati. Bisogna ricordare che il cane non dovrebbe leccare il suo pene o prepuzio, quindi certamente verrà prescritto dal nostro veterinario anche l’utilizzo del collare elisabettiano.
Nel caso in cui la balanopostite sia causata da problemi di dermatite topica, il veterinario può prescrivere antistaminici o corticosteroidi.
Alcuni studi affermano che la castrazione può ridurre la quantità e la frequenza delle secrezioni, anche se non ne garantisce la scomparsa totale.
In casi gravi, quando siamo in presenza di uno stato di necrosi (morte del tessuto) o quando si presentano lacerazioni o ascessi, può essere necessario effettuare una rimozione chirurgica del pene.

Dott.ssa Aurora Busti
Medico Veterinario Barkyn