Barkyn Logo
  • Veterinaria
  • Crocchette
  • Chi siamo
BlogSalute

Displasia del gomito nel cane: sintomi e terapie

La displasia del gomito è considerata la maggior causa di zoppia dell’arto anteriore nel cane, si tratta di una patologia ereditaria a decorso degenerativo che colpisce razze di taglia grande/gigante durante il periodo di accrescimento.

Alessia Troli

Alessia Troli

Veterinaria
2 min di lettura

Il meglio per il tuo cane

Cibo sano consegnato a casa e veterinario online 24/7

-15%

al 1° ordine
Inizia ora
Inizia ora

Quali sono le razze più a rischio di displasia del gomito?

Come per la displasia dell’anca, le razze maggiormente predisposte sono quelle grandi o giganti.
Pastore Tedesco
Labrador retriever
Golden retriever
Rottweiler
Alano
Chow chow
Dogue de Bordeaux

In tali razze è consigliato l’esecuzione di uno studio radiografico giovanile intorno ai 4-6 mesi di età. Lo studio radiografico consiste nello sviluppo di alcune lastre del gomito, con il cane in anestesia o in sedazione profonda, allo scopo di identificare in età precoce i soggetti affetti da tale patologia ed evitare la formazione di processi artrosici generanti zoppia e dolore.

Come riconoscere un cane con displasia del gomito

La sintomatologia può insorgere già nei primi 5-6 mesi di vita del cane tramite:
zoppia di uno o di entrambi gli arti anteriori,
difficoltà alla deambulazione,
dolore alla manipolazione del gomito
gomito gonfio e caldo (nei casi acuti)
andatura rigida
Il grado di zoppia aumenta col passare del tempo e al progredire della degenerazione articolare. Il dolore sarà più intenso alla ripresa del movimento dopo un lungo periodo di riposo (es. dopo aver passato ore sdraiato nella cuccia) e potrebbe “migliorare” dopo qualche passo.

Terapia della displasia del gomito

Le soluzioni terapeutiche variano a seconda dell’età del cane alla diagnosi e in base al grado di displasia. Se nel cucciolo sono possibili varie opzioni chirurgiche in grado di correggere il difetto articolare, nel soggetto adulto è maggiormente indicata la terapia conservativa, composta da farmaci antiinfiammatori e antidolorifici, necessari per aiutare il cane a superare la fase acuta. La terapia medica può essere associata alla fisioterapia, con lo scopo di allungare l’intervallo di tempo fra un trattamento e l’altro, riducendo il rischio di comparsa di effetti collaterali legati all’uso prolungato di alcuni farmaci.

Sia nel cucciolo, che nell’adulto sono vivamente raccomandati:
-il controllo del peso
-un supplemento della dieta con integratori per le articolazioni (glucosamina e condroitina)
-lo svolgimento di un’attività fisica blanda ma quotidiana (l’ideale sarebbero brevi passeggiate ripetute più volte al giorno)
-regolari visite di controllo dal veterinario.

Articolo successivo

Chevron Icon

CONDIVIDI SE TI È PIACIUTO!

Facebook IconTwitter IconChain Icon

I più popolari

Il miglior cibo per il tuo cane

Cibo sano consegnato a casa tua

Barkyn fornisce cibo adattato alle esigenze del tuo cane e un veterinario dedicato. Fai la prova ora!

Inizia ora
15%
Sconto sul 1° ordine

© Barkyn - Love for your dog 2020 Via Bergamo 43 00198 Roma

VisaCard Icon
MasterCard Icon
PaypalFooter Icon
  • Aiuto
  • Opportunità
  • Privacy
  • Shop