Barkyn Logo
  • Veterinaria
  • Crocchette
  • Chi siamo
BlogSalute

10 Piante tossiche per i cani

Lo sapevi le intossicazione più frequenti nel cane sono causate dall’ingestione di foglie e fiori?Ovviamente i cuccioli, sempre occupati a giocare e a sgranocchiare ogni cosa presente in appartamento sono fra i soggetti più vulnerabili. Conosciamo insieme quali piante possono essere tossiche per il nostro amico a 4 zampe.

Alessia Troli

Alessia Troli

Veterinaria
2 min di lettura

Il meglio per il tuo cane

Cibo sano consegnato a casa e veterinario online 24/7

-15%

al 1° ordine
Inizia ora
Inizia ora

Dracena

La Dracena è una pianta originaria dell’Africa tropicale e dell’Asia, è generalmente più conosciuta con il nome di “Tronchetto della felicità”: una pianta composta da abbondanti foglie molto fini.
L’ingestione delle foglie può determinare debolezza, perdita di equilibrio, depressione, vomito, diarrea e rigonfiamento del muso.

Azalea

L’azalea è un arbusto da fiore dai colori molto attraenti per i cuccioli. Il rosicchiamento delle foglie promuove la fuoriuscita di un nettare estremamente orticante per le mucose del cane, in grado di indurre nausea, vomito, scialorrea (abbondante salivazione) e perdita dell’appetito.

Oleandro

L’Oleandro è sicuramente fra le piante tossiche più conosciute. Il principio tossico contenuto nelle foglie è l’oleandrina, una sostanza dal sapore amaro. Questa caratteristica lo rende poco attraente per i cani e le sue ingestioni sono prevalentemente accidentali.
I sintomi dell’intossicazione possono comparire anche alcune ore dopo l’ingestione con nausea e vomito, seguiti da diarrea emorragica e ulcere della mucosa orale. A livello cardiaco l’oleandro può causare disfunzioni del normale battito.

Ciclamino

I principi attivi che rendono il ciclamino tanto tossico per i cani sono: la ciclamina e le saponine.
In genere tutta la pianta può provocare gravi problemi gastro-intestinali e convulsioni. L
a parte del ciclamino maggiormente tossica è rappresentata dal bulbo.

Pothos

L’ingestione delle foglie del Pothos può causare irritazioni del cavo orale, problemi di digestione (diarrea, vomito) e in alcuni casi anche le convulsioni.

Spatifillo

Questa pianta contiene cristalli insolubili di ossalato di calcio. Il contatto dei cristalli con la mucosa orale può creare dolorose lesioni con abbondante produzione di saliva, vomito e inappetenza.

Ortensia

I principi attivi tossici dell’Ortensia sono dei glucosidi dall’effetto cianotico, presenti nelle foglie e nei fiori. L’azione tossica si manifesta nei mesi caldi quando la pianta raggiunge il massimo grado di fioritura, e può scatenare vomito, diarrea e difficoltà respiratoria.

Lauroceraso

Tutte le parti della pianta sono velenose, in quanto contenenti tracce di cianuro. Fra i principali sintomi abbiamo nausea, vomito, diarrea e abbondante salivazione.

Stella di Natale

La Stella di Natale contiene un composto altamente urticante che può causare gonfiore, bruciore, irritazione a tutto l’apparato digerente, senso di soffocamento, vomito, coliche e diarrea.

Dott.ssa Alessia Troli
Medico Veterinario Barkyn

Articolo successivo

Chevron Icon

CONDIVIDI SE TI È PIACIUTO!

Facebook IconTwitter IconChain Icon

I più popolari

Il miglior cibo per il tuo cane

Cibo sano consegnato a casa tua

Barkyn fornisce cibo adattato alle esigenze del tuo cane e un veterinario dedicato. Fai la prova ora!

Inizia ora
15%
Sconto sul 1° ordine

© Barkyn - Love for your dog 2020 Via Bergamo 43 00198 Roma

VisaCard Icon
MasterCard Icon
PaypalFooter Icon
  • Aiuto
  • Opportunità
  • Privacy
  • Shop