• Home
  • ScopriChevron Icon
    • Opinioni
    • Veterinaria
    • Crocchette
    • Barkyn Italia
  • Blog
  • Community
  • Simulazione
BlogLifestyle

Devo iscrivere il cane all’anagrafe canina?

Lifestyle

Scopriamo insieme uno degli obblighi, a livello legale, che i proprietari di cani devono rispettare: il microchip e l’iscrizione all’anagrafe canina.

Che cos’è l’anagrafe canina?

L’anagrafe canina è una Banca Dati Regionale in cui vengono riportati i dati dei cani identificati con microchip o tatuaggio presenti nella Regione collegandoli al proprietario e/o detentore.
Gli animali attualmente vengono identificati con il microchip, solo antecedentemente si utilizzava un tatuaggio sul piatto della coscia, sistema ormai non più in uso soprattutto perché con il passare del tempo diventava illeggibile e incomprensibile.

Che cos’è il microchip?

Il microchip è un piccolo dispositivo elettronico che viene impiantato per via sottocutanea esclusivamente dai veterinari della ASL o dai Veterinari Liberi Professionisti accreditati dal Servizio veterinario. Questo dispositivo permette di assegnare un numero univoco di 15 cifre a cui saranno associati i dati dell’animale (specie, razza, sesso, colore del mantello, data di nascita) e i dati del proprietario (nome, cognome, indirizzo, codice fiscale e numero di telefono). Una volta impiantato il microchip viene effettuata subito l’iscrizione all’anagrafe canina e così il cane viene inserito nel database regionale. L’equivalente di una carta d’identità.

L’iscrizione all’anagrafe canina è obbligatoria?

Si, l’iscrizione del proprio cane all’anagrafe canina attraverso l’apposizione di un microchip è obbligatoria per legge (Legge Regionale 21 ottobre 1997 n. 34, Ordinanza Ministeriale 6 Agosto 2008). L’iscrizione dovrà essere effettuata entro i due mesi di vita del cane oppure entro trenta giorni dal possesso se il cane ha più di due mesi e comunque prima della cessione a qualsiasi titolo dell’animale. Inoltre diventa indispensabile per chi ha intenzione di viaggiare con il proprio cane.

A che cosa serve il microchip e perché è obbligatorio?

Il microchip è in primis una tutela per il cane e per il proprietario in quanto in caso di fuga/smarrimento dell’animale sarà più facile ricongiungerlo al proprio proprietario evitando così di scambiarlo per randagio ed evitando che vada a finire in canile. In più è uno strumento che cerca di scoraggiare il fenomeno dell’abbandono con il fine di controllare il problema del randagismo.

Cosa devo fare per apporre il microchip al mio cane?

Ci si deve rivolgere alla propria ASL di appartenenza presentando documento d’identità con una copia, codice fiscale con una copia, e una delega in caso non sia il proprietario a presentarsi. Presso la ASL si può pagare l’iscrizione di 8,00 € all’anagrafe canina attraverso CUP, bonifico bancario o bollettino postale. Con la ricevuta di pagamento si può prendere appuntamento per impiantare il microchip presso uno dei veterinari della ASL o ci si può rivolgere alle strutture private con Veterinari Liberi Professionisti accreditati dal Servizio veterinario.

Dott.ssa Aurora Busti
Medico Veterinario Barkyn

CONDIVIDI SE TI È PIACIUTO!

Facebook IconTwitter Icon

La nuova felicitá del tuo cane

Barkyn fornisce un'alimentazione adeguata e un costante controllo veterinario. Simula per te!

plans

Formulati dai veterinari, gli alimenti Barkyn sono a base di carne o pesce freschi, e contengono condroprotettori per rendere più forte il tuo cane. Approvati da più di 50 000 cani!

Barkyn

About

  • Home
  • Opinioni
  • Veterinaria
  • Crocchette
  • Blog
  • Community
  • Simulare

Seguici