Regole su come fare un massaggio al mio cane

Lifestyle

Un buon massaggio è sempre fonte di relax anche per i nostri amici a quattro zampe. Andiamo a scoprire insieme come farne uno al nostro cane e che tipo di vantaggi potrà trarne.

I benefici di un massaggio al tuo cane

È un ottimo momento di condivisione ed è anche un modo perfetto per legare con il proprio cane. Inoltre, apporta dei veri e proprio benefici:

  • Migliora la circolazione sanguigna;
  • Tonifica i muscoli;
  • Allevia i dolori muscolari;
  • Aiuta i cagnolini più insicuri a prendere coscienza del proprio corpo;
  • Elimina i punti di stress, come ad esempio potrebbe essere quello a livello del collo per via del collare;
  • Aiuta il proprietario a capire se il cane ha dolore/fastidio in un punto particolare e ad identificare rapidamente la comparsa di anomalie a livello cutaneo.

Come si massaggia il cane?

Come prima cosa è fondamentale scegliere uno spazio tranquillo per metterlo a proprio agio, inizialmente magari si farà fare solo massaggi di breve durata e poi a mano a mano si potranno allungare i tempi a seconda di quello che il cane tollera. È importante, soprattutto nelle prime sessioni, studiare dove e cosa gli piaccia farsi massaggiare perché non tutti cani sono pronti a farsi toccare ogni parte del corpo e bisogna rispettare le loro volontà altrimenti poi diventa più uno stress e si perde tutto il beneficio.
Il massaggio non dovrebbe essere eseguito a caso, ma segue uno schema ben preciso, i movimenti devono essere delicati senza utilizzare troppo vigore. Non interrompere mai bruscamente il massaggio e cominciarlo a fare solo se effettivamente si ha tutto il tempo necessario da dedicargli, non è una pratica che deve essere fatta di fretta e si deve rispettare il tempo di cui ha bisogno.

Quali zone massaggiare?

È preferibile partire dalla base del cranio, seguendo la colonna vertebrale facendo movimenti circolari e coinvolgendo anche la coda, sempre che il cane non ne sia geloso. Dopodiché massaggiare la testa eseguendo movimenti circolari dalla base del cranio fino alla parte inferiore del collo e dalla punta del muso fino alla base del cranio, coinvolgendo anche orecchie e mascella.
Passare poi alle costole fino ad arrivare alla pancia e con la mano piatta eseguire dei movimenti circolari, questa anche rappresenta una zona di cui gli animali sono spesso gelosi quindi non li si deve forzare se non si vogliono far toccare. A questo punto si può passare alle zampe effettuando movimenti lenti e dolci e seguendo tutta la loro lunghezza.

Dott.ssa Aurora Busti
Medico Veterinario Barkyn